DOMENICA 29 OTTOBRE

16105688_10209825512411890_4777765391491865150_n

Annunci
Immagine | Pubblicato il di | Lascia un commento

L’ANTICA CHIESA DI SANTA SUSANNA – Civita Castellana (VT)

22459363_1976854822600242_8042415983175554111_o

PREMESSA

Come ho spesso sottolineato in alcuni articoli precedenti, nell’Agro falisco ci sono numerosissimi siti archeologici, più o meno importanti, che riversano, purtroppo, in uno stato di totale abbandono…ma quello di cui ora parlerò non è un “semplice” sito archeologico, bensì un vero e proprio luogo della memoria…

Incastonato nei verdi prati dell’agro falisco,  il complesso religioso di Santa Susanna si trova ai margini di una forra, poco fuori il centro abitato di Civita Castellana (VT).In questo luogo,  dagli anni 60 fino agli 80, la popolazione di Civita Castellana si riuniva il giorno di Pasquetta per passare  insieme una splendida giornata all’aperto, lontano dallo stress e dalla frenesia della vita quotidiana. Per l’occasione veniva aperta la Chiesa e svolta una messa al suo interno. A questo evento annuale partecipavano moltissime persone, giovani e meno giovani, e durante la giornata c’era chi giocava, chi cantava o chi pregava..tutti insieme..insomma, oltre ad essere un luogo religioso di grande importanza storica, era anche un luogo di aggregazione.

Lo stato attuale della struttura è MOLTO PERICOLANTE e dunque non indicherò le coordinate per raggiungere il sito ed anche a chi già lo conoscesse sconsiglio di visitarlo per lo stesso motivo.

Al momento della mia visita non erano presenti ne cartelli ne recinzioni che indicassero che la proprietà fosse privata.

 

L’ESPLORAZIONE

Dopo aver camminato per un paio di km in aperta campagna, arrivo in un campo ai margini di una forra. Davanti a me intravedo una struttura quasi interamente ricoperta da rovi e piante e, ad un primo, sguardo non riesco bene a capire di cosa si tratti..così decido di avvicinarmi…man mano che cammino inizio a intravedere tra gli arbusti, nella parte alta della costruzione, i resti di un campanile: è il complesso religioso di Santa Susanna!

DSC06720.JPG

Emozionato, continuo a camminare verso di esso..ma man mano che mi avvicino la mia gioia per aver individuato il sito lascia il posto alla forte delusione per il suo stato di conservazione: la struttura, esternamente, è quasi interamente ricoperta dalla vegetazione ed il suo ingresso risulta davvero fatiscente, con una grande quantità di libri ed immondizia accatastati a terra. Ora..di rifiuti in giro, nei posti più disparati, ne avevo già trovati…ma una così grande quantità di libri, la maggior parte ANTICHI, ammucchiata come spazzatura davanti all’ingresso di una chiesa è la prima volta che mi capita.

DSC06728

Dopo questa piccola digressione mi avvicino timorosamente all’ingresso della struttura..e come dei fiori nel deserto, scorgo alcune bellissime decorazioni  sopra alla porta.

DSC06729

Scrutandole attentamente mi accorgo che i motivi ed i materiali  utilizzati mi ricordano qualcosa a me già ben noto e caro, ovvero il Duomo dei Cosmati a Civita Castellana. Dunque, molto probabilmente,  quelle decorazioni sono le stesse utilizzate per la Cattedrale Maggiore e ci suggeriscono che ambedue le costruzioni sono state edificate nello stesso periodo storico.

DSC06733

Poco sopra la cornice decorata, uno splendido affresco completa quest’ingresso a dir poco sorprendente.

DSC06730

La porta della Chiesa, in metallo arrugginito, sembra socchiusa e decido così di aprirla, ma non appena poggio le mani su di essa per spingerla, qualcosa al suo interno sembra bloccarne il movimento. Ma si sà…la curiosità è testarda ed incomincio dunque a spingere con più forza, quando ad un tratto vedo, improvvisamente, discendere  dal soffitto un po di polvere mista a qualche calcinaccio: alzo gli occhi e mi rendo conto che le tegole che compongono il soffitto sono tutte dismesse e poggiano su delle travi ormai esili e marce.

DSC06741

Con più calma torno a sospingere la porta e dopo qualche minuto finalmente si apre..

DSC06742

Dentro è buio e, non appeno entro, un cattivissimo odore pervade il mio olfatto..è così insopportabile tanto da costringermi a coprire il naso con l’estremità della maglietta che indosso. Inizio a scrutare intorno a me con la speranza di capire da dove venisse quell’odore così forte…e non appena abbasso gli occhi trovo subito la risposta: il pavimento è INTERAMENTE RICOPERTO DI STERCO ANIMALE.

DSC06756

La situazione è davvero squallida e surreale..un luogo di tale importanza storica, e dal forte valore religioso ridotto ad un ricovero per animali.

Deluso ed amareggiato per tutto ciò, continuo a camminare coprendomi il naso. La Chiesa, ad aula unica presenta un coro rettangolare con volta a crociera costolonata, ed un soffitto con travi di legno a vista,  anche questo purtroppo in buona parte fatiscente.Il raccordo tra la nave e il presbiterio è risolto con un arcone a sesto acuto che si scarica su due pilastri in corrispondenza di mensolette leggermente modanate.

DSC06772.JPG

Sulla parete sinistra riesco a notare due archi inglobati nella muratura, segno che in precedenza la Chiesa era più ampia ed in un secondo momento le sue dimensioni sono state ridotte.

Continuo a camminare verso i resti della base dell’altare maggiore. Accanto ad essi  noto una scatola di cartone con qualcosa all’interno. Accendo così la mia torcia e con stupore capisco che quelli oggetti contenuti al suo interno sono dei vecchi libri ed anche questi sono ricoperti dallo sterco. L’altare maggiore, presenta  due colonne in marmo, con decorazioni gialle su fondo celeste ed una grande vetrata, il tutto sormontato da un angelo scolpito anche questo nel marmo.

DSC06775.JPG

DSC06763

Incuriositomi decido così di aprire lo sportello composto da piccoli tasselli di vetro …quando all’improvviso mi appare la sagoma del Crocifisso impressa sul muro!!!! La chiesa, infatti, è stata trafugata nel tempo e tra le cose asportate più recentemente vi è proprio il crocifisso,  il quale ha poi lasciato il suo “alone” nel punto in cui era stato deposto per secoli.

DSC06766.JPG

Alla base vi è un piccolo altare sul quale sono deposti due libri…anche questi naturalmente ricoperti dalla polvere.

DSC06761.JPG

L’aria all’ interno della struttura si fa sempre più pesante e decido così di dirigermi verso l’uscita. Una volta fuori l’edificio, svolto sulla sinistra e proseguo oltrepassando un bellissimo arco.

DSC06785.JPG

Al di là di esso trovo i resti di quello che un tempo era il cortile interno del complesso religioso. Nella parte centrale di esso noto una sorta di botola in metallo ed incuriositomi la sollevo : sotto di essa si cela un antica cisterna per la raccolta delle acque piovane.

DSC06748.JPG

DSC06783.JPG

Sulla parete di fondo del cortile due ingressi: uno è preceduto dalle scale, l’altro posto sul primo piano. A causa del pessimo stato di conservazione dell’intera struttura decido di esplorare soltanto quella al piano inferiore, anche se non vi è nulla di rilevante da segnalare.

DSC06777.JPG

Continuo ad ispezionare l’area e tra i rovi intravedo altre due porte al di là di essi. Così, armato di machete, mi faccio strada tra la fitta vegetazione riuscendo ad oltrepassarla.

DSC06804.JPG

La prima porta in realtà altro non è che l’ingresso di una piccola cavità scavata nel tufo mentre l’altra sembra condurre nel buio più totale.  A questo punto, onde evitare di svegliare qualche cinghiale dal suo pisolino diurno, decido di lanciare un sasso al suo interno prima di entrare. Una volta dentro accendo la mia lampada e capisco di trovarmi nella  “pancia” della cisterna vista dall’alto in precedenza.

 

NOTIZIE STORICHE

Per quanto riguarda l’aspetto storico della struttura, secondo alcune fonti storiche questa è stata  probabilmente costruita nel 1230 circa. Qualche decennio prima (1210) la famiglia di architetti e marmorari romani, i Cosmati, aveva ultimato la costruzione del portico del Duomo di Civita Castellana. Le decorazioni presenti in questa struttura sono molto simili, se non le stesse, utilizzate per il portico della Chiesa di Santa Susanna, e questo ci conferma il periodo della sua costruzione.

Il complesso religioso fu edificato molto probabilmente sui resti di una antica villa romana. Questo sito infatti, sorge ai margini di un antico asse viario che collegava il Tempio di Giunone, e quindi Falerii Veteres, con la via Flaminia ed il Tevere con il suo porto. Il tracciato da Civita alla Flaminia partiva dalla porta Posterula, nei pressi dell’attuale ponte Clementino, scendeva il fosso per raggiungere l’altipiano delle “Colonnette” e proseguiva verso la “cava del Lupo” dove si ricongiungeva con l’asse per Falerii Novi. Attraversava quindi il fosso dei Cappuccini e quello del rio Maggiore per seguire poi, per un tratto, la via di Celle e proseguire in direzione del Treia.
Del tracciato di questa arteria non sono stati trovati più indizi dagli studiosi fino al cavone detto di Santa Susanna che passava, secondo il Cozza, tangente al fianco della chiesetta, (per) poi approfondirsi e discendere tortuoso fino al fossatello di S. Susanna, che doveva traversare con un piccolo ponte.

Nel 1506 risulta inserito nell’elenco dei conventi della provincia romana  come unico convento presente a Civita Castellana. Nel 1557 poi vi si trasferirono i Cappuccini di San Francesco di Roma, che lo abbandonarono poi nel 1571.
Risulta  disabitato nelle Visite ad limina del 1610 e del 1613, mentre in quella del 1617 non risulta neanche inserito tra le Ecclesie Religiosor(um), ma tra quelle ex Civitate come se il convento fosse ormai decisamente in disuso. Nel 1729 viene invece espressamente citato solamente come ecclesia S. Susanna in fundo Mense episcopalis sub cura eiusdem societatis.

Successivamente il complesso religioso fu acquistato da un ambasciatore della Danimarca. Secondo alcune dicerie popolari, il danese comprò il sito poiché, secondo alcuni suoi studi, all’interno della struttura doveva essere nascosto un “tesoro”  deposto li in epoca fascista. Al momento della mia visita non erano presenti ne cartelli ne recinzioni che indicassero che la proprietà fosse privata.

TESTO, IMMAGINI E VIDEO DI LUCA PANICHELLI

VIDEO

 

Pubblicato in Senza categoria | Lascia un commento

L’ANTICA CHIESA DI SANTA SUSANNA – VIDEO

Video | Pubblicato il di | Lascia un commento

“A SPASSO NEL TEMPO” – DA NEPI A FALERII NOVI

16105688_10209825512411890_4777765391491865150_n.jpg

 

Pubblicato in PROSSIME ESCURSIONI | Lascia un commento

ESCURSIONE “L’ANTICA VIA AMERINA” 8/10/’17 – RESOCONTO FOTOGRAFICO

Questa galleria contiene 39 immagini.

Galleria | Lascia un commento

LA “PERLA” DELL’AGRO FALISCO: LA TAGLIATA FANTIBASSI – VIDEO

Interamente scavata a mano in epoca etrusco/falisca, la TAGLIATA FANTIBASSI rappresenta ancora oggi una delle più grandi testimonianze riguardo l’abilità costruttiva di questa antichissima civiltà. Ma non solo..camminare avvolti dalle sue altissime pareti(15 metri) è davvero qualcosa di magico e speciale..un’esperienza assolutamente da provare!!!!! (Per saperne di più leggi l’articolo “LA TAGLIATA FANTIBASSI “su questo blog)

PER CHI ANCORA NON HA AVUTO IL PIACERE DI AMMIRARLA, DOMENICA 8 OTTOBRE è PREVISTA UNA SPLENDIDA ESCURSIONE ORGANIZZATA IN COLLABORAZIONE CON L’ASSOCIAZIONE AVVENTURA SORATTE. PER INFO E PRENOTAZIONI LEGGI LA LOCANDINA SOTTO

 

21432767_1401942416540602_6014586957829938112_n

Video | Pubblicato il di | Lascia un commento

LE CASCATE DEL RIO FRATTA – VIDEO

Video | Pubblicato il di | Contrassegnato , , , , , | Lascia un commento